Friday, March 9, 2012

Europa e fascismo

(Pubblicato in « II Popolo d'Italia », 6 ottobre 1937)

di Scrittore fascista

L'affermazione fatta da Mussolini a Berlino il 28 settembre dell'anno XV che l'Europa di domani sarà fascista non tanto per virtù di propaganda quanto per lo sviluppo logico degli eventi, ha suscitato vivi commenti e non meno vivaci polemiche.

Questo non ci sorprende. Ci avrebbe sorpreso il contrario. È chiaro che tutti coloro i quali rappresentano in questo momento la conservazione e la reazione — capitalismo, democrazia parlamentare, socialismo, comunismo, liberalismo e un certo ondeggiante cattolicismo col quale un giorno o l'altro faremo i conti secondo il nostro stile — siano contro di noi che rappresentiamo il secolo XX, mentre essi rappresentano il XIX. Quando noi diciamo che l'Europa di domani sarà fascista., ci appoggiamo su dati di fatto e precisamente sui nuovi Stati, non soltanto europei, che si sono aggiunti a quelli che hanno iniziato il movimento di riscossa. Non vi è dubbio, ad esempio, che il Giappone sta liberandosi dai paludamenti parlamentaristici che adottò poche decine di anni or sono e che oggi ne arresterebbero lo slancio vitale. Slancio che noi pienamente comprendiamo e giustifichiamo. Gli strilli delle donnaccole e i sermoni degli arcivescovi ci fanno ridere o schifo a seconda dei casi. È pacifico, matematicamente pacifico, che in caso di necessità l'Inghilterra non esiterebbe un minuto a bombardare delle posizioni nemiche, come ha fatto, sta facendo nel Waziristan e farà tutte le volte che lo riterrà giovevole alla salute dell'Impero.

Il Giappone non è « formalmente » fascista, ma il suo atteggiamento antibolscevico, l'indirizzo della sua politica, lo stile del suo popolo lo portano nel numero degli Stati fascisti. Altro Stato che nell'America meridionale sta liberandosi energicamente dai residuati dell''89 e scende in campo armata mano contro il bolscevismo, è il Brasile. Molti Stati in Europa marciano sulla strada del Fascismo, anche quando affermano il contrario. Si va insomma verso quella organizzazione politica delle società nazionali che Mussolini molti anni or sono definì « democrazia organizzata, accentrata, autoritaria su basi nazionali ». Ogni nazione avrà il « suo » fascismo; cioè un fascismo adattato alla situazione peculiare di quel determinato popolo: non c'è e non ci sarà mai un fascismo da esportare in forme standardizzate, ma c'è un complesso di dottrine, di metodi, di esperienze, di realizzazioni, sopratutto di realizzazioni, che a poco a poco investono e penetrano in tutti gli Stati della comunità europea e che rappresentano il fatto « nuovo » nella storia della civiltà umana. Coloro che coltivano delle speranze non si sa se più folli o più idiote circa l'avvenire degli Stati totalitarì, dimenticano che entrambi sono stati collaudati da prove severe; per l'Italia dalla vittoriosa impresa africana e dall'assedio societario di 52 Stati, per la Germania dalla quasi completa liquidazione del trattato di Versaglia che ha avuto il suo punto culminante nella rioccupazione della zona renana. Due regimi che hanno superato queste prove hanno dimostrato la loro forza, la loro vitalità, che si basa sull'adesione unanime del popolo, in forme e misure ignote a quegli Stati che si sono autodefiniti « grandi democrazie ».

Cosi come il costume, la dottrina, l'atmosfera del secolo scorso fu democratico-liberale — e noi siamo così obiettivi da non considerare tutto ciò « stupido » come vorrebbero i nazionalisti francesi — il costume, la dottrina, l'atmosfera di questo secolo sarà fascista nel senso lato della parola. I due popoli portatori di questo nuovo tipo di civiltà non sono gli ultimi venuti nel campo del pensiero e della creazione spirituale. La stolta accusa che il fascismo sia adatto a popoli di rango inferiore a paragone di quelli beatificati dalle attuali superstiti democrazie, cade davanti a popoli come l'italiano e il germanico, il cui contributo allo sviluppo civile del genere umano è stato ed è formidabile.

Né maggiore consistenza ha l'accusa che gli Stati fascisti per la dinamica dei loro nazionalismi sono portati alla guerra. Ciò che è accaduto in questi ultimi anni dimostra esattamente il contrario: la Germania ha compiuto due manifestazioni pacifiche di eccezionale importanza e sono precisamente l'accordo con la Polonia e l'accordo navale con l'Inghilterra. La concezione eroica della vita tipica del fascismo non è inevitabilmente legata al fatto guerra: tale concezione può trovare ampia possibilità di realizzazione anche nelle opere di pace.

Nello stadio di Berlino, davanti a milioni di uomini questa fu la parola gridata dai Capi e raccolta dalle moltitudini, non soltanto italo-germaniche, come una speranza e una certezza.